Il sistema delle RSA in Toscana: mappatura e valutazione

Gli ospiti

IndaginiLa soddisfazione degli ospiti delle RSA è un aspetto che è stato tenuto per molto tempo in scarsa considerazione perché considerato difficile da misurare.

Negli ultimi anni, però, si è compreso che è particolarmente  importante conoscere la percezione della qualità dei servizi di coloro che in esse vivono: l’autonomia, la dignità, il piacere del cibo, il comfort e la sicurezza sono fattori che normalmente gli individui che vivono al proprio domicilio non considerano, perché sottintesi, ma, per chi vive in una residenza, diventano infatti di primaria importanza. L’obiettivo principale dell’assistenza in queste strutture è quello di dare pari valore alla qualità della vita e alla qualità di cura, garantendo agli anziani ospiti il più alto livello di autonomia  possibile, il mantenimento della dignità individuale e la possibilità di prendere le proprie decisioni, anche in base alle preferenze individuali. La RSA deve mettere al centro i bisogni, espressi e non, dell’anziano ospite, che ha il diritto di vivere un’esistenza che sia ancora percepita come significativa e tale da rispondere a quelle che sono le sue legittime aspettative.

Sulla scorta di queste considerazioni, dagli anni Novanta, soprattutto negli Stati Uniti, in Canada e in alcuni paesi europei, sono stati elaborati specifici questionari per indagare gli aspetti psicologici e sociali della qualità della vita in RSA.

L’analisi dei risultati dei questionari, aumentando la fruibilità di informazioni sui servizi da parte della popolazione potenzialmente interessata, ha avuto e tuttora conserva molteplici utilità, quali quella di orientare le azioni di miglioramento dell’assistenza da parte del management delle RSA e dei gestori sanitari pubblici e privati, per adattare ai bisogni degli ospiti l’assistenza sanitaria e le attività quotidiane all’interno della struttura.

L’indagine di soddisfazione ed esperienza degli ospiti delle RSA Toscane è stata costruita e avviata tenendo conto di queste esperienze internazionali e sulla base della convinzione che un valido strumento di valutazione delle performance delle RSA, che deve essere multidimensionale, non possa prescindere dalla valutazione della soddisfazione degli assistiti.

Il questionario ha previsto 57 domande obbligatorie suddivise nelle seguenti sezioni:

  •  Accoglienza ed orientamento (3),
  • Ambiente e comfort (7),
  • Servizi (8),
  • Attività (9),
  • Relazioni con l’esterno (4),
  • Assistenza (12)
  • Rapporto con il personale (9)
  • Rispetto della privacy (3)
  • Valutazione complessiva (2)

L’intervista è stata realizzata face to face , con contestuale registrazione  su supporto informatico.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Conoscere per valutare, confrontarsi per migliorare